Informazioni: Proloco di Conco

email: info@prolococonco.it

Telefono 3926723669 

  "Il nome ufficiale Tarassaco proviene dal greco tarakè "scompiglio", e àkos "rimedio", questa è dunque capace di rimettere in ordine l'organismo".  Fonte Wikipedia 

Per elencare le virtù di questa pianta non basterebbe un intero sito! Vi rimandiamo perciò alla descrizione scientifica di wikipedia ma ad ogni angolo del web troverete articoli che descrivono come questa pianta officinale sia apprezzata e condivisa per le sue numerose proprietà salutari e..culinarie!

"La parte più importante del tarassaco è, però, la radice che si raccoglie in primavera o, meglio ancora, in autunno. Si lava energicamente in acqua e si essicca accuratamente al sole. Essa costituisce il rimedio sovrano nelle disfunzioni del fegato, nell'itterizia, nei calcoli biliari, organi, quelli nominati, molto importanti e che vengono sollecitati o guariti dai numerosi princìpi medicamentosi contenuti nella radice stessa. Oltre a queste virtù, fin dai tempi più antichi, alla radice di tarassaco sono state attribuite proprietà febbrifughe, toniche, diuretiche, lassative, antiemorroidali e depurative. 

La radice viene usata in forma di decotto facendone bollire mezz'etto in un litro d'acqua per un quarto d'ora. Di questo decotto se ne devono bere tre tazze al giorno per due o tre settimane nei casi di affezione al fegato o alla bile. Invece, per una normale cura depurativa, è sufficiente una sola tazza al mattino a stomaco vuoto. Una cura depurativa più completa è costituita dal decotto composto da un pizzico di radice di tarassaco, da uno di radice di bardana, da uno di centaurea e da uno di radice di cicoria. Un bicchiere al giorno per venti o trenta giorni di questo decotto amarissimo farà dei veri e propri miracoli". (tratto da agraria.org)

Dal tarassaco e dai suoi fiori in particolare si possono ricavare anche sciroppi per la tosse! Qui una ricetta!