Sentiero del Menderle

Lunghezza:7,80 km circa 

Dislivello:392 m circa

Pendenza: 11%

Quota minima:740 m s.l.m.

Quota Massima:968 m s.l.m.

Partiamo dalla piazza di Conco, direzione Conco di Sopra. Risaliamo il viale della Rimembranza, superiamo la sbarra e proseguiamo dritti fino a Conco di Sopra. Lasciamo " La Bottega del Nani" sulla destra e svoltiamo a sinistra in direzione Contrà Lupati. Percorriamo i due tornanti e sul dorsale, giriamo a destra, imboccando la strada sterrata del "Menderle" fino a trovare una stalletta in sasso; prima di questa giriamo verso sinistra, scendendo lungo il sentiero panoramico e lastricato, fino alla Contrà Lupati; la attraversiamo passando davanti al capitello e imbocchiamo la breve e ripida discesa per poi svoltare a sinistra arrivando alla pozza della "Fevrara", crocevia di diversi sentieri. Scendiamo verso destra ed, al bivio della Località "Bise", proseguiamo risalendo verso sinistra il sentiero tracciato nel sottobosco. Ci troviamo così in un percorso molto suggestivo che si snoda accanto alla sorgente naturale "Poseto del Prundole" e che arriva in Contrà Pologni passando sotto alla "Pozza delle Lastre". Attraversiamo la Contrada e scendiamo sulla carrareccia. Ci troviamo, a questo punto, ad un bivio dove, tenendo la sinistra, arriviamo alla Contrà Bagnara. Attraversiamo la provinciale e la contrada imboccando il sentiero che ci porta alla strada comunale nella Val Moltrina. Percorsi 100 m in discesa risaliamo a sinistra attraversando due volte la strada asfaltata e lasciando a destra la Contrà Ronchi. Saliamo la strada sterrata della "Cavalara"; prima dell' uscita sulla provinciale giriamo a sinistra, percorrendo la vecchia strada di "Vitarolo". Attraversiamo la valle del "Carle" e sbuchiamo di nuovo sulla provinciale e la attraversiamo seguendo la direzione di Contrà Pologni. Percorriamo 200 mt e, svoltando sulla destra, intraprendiamo la risalita della valle della "Fontanella"; poi giriamo a sinistra verso il sentiero tracciato che riporta alla pozza della "Fevrara". Giriamo a destra passando sotto alla Contrà Lupati e percorriamo il sentiero panoramico fino ad arrivare in Contrà Leghe. Prima della provinciale scendiamo a destra sulla strada asfaltata che poi diventa sterrata, lasciamo la Contrà Garzoni a destra, fino a sbucare di nuovo sulla provinciale. Giriamo a sinistra verso Conco per poi salire la stradina della "Pozzetta"; passandole di fianco, scendiamo attraverso la Contrà Campanari raggiungendo la piazza.

Punti d' interesse:

Viale della Rimembranza, caratteristiche stalle e barchesse rurali, Il capitello di Contrà Lupati, vari pozzi in pietra nelle contrade, Sorgente naturale del "Poseto del Prundole" vicino a Contrà Pologni, Pozzetta e pozza della "Fevrara" usate come abbeveratoi per le mandrie al pascolo.


Sentiero della Val Montrina

Lunghezza: 5,30 km circa

Dislivello: 354 m circa

Pendenza:  14%

Quota minima: 592 m s.l.m.

Quota Massima: 830 m s.l.m.

 

Partendo dalla piazza di Conco, passando a fianco della Chiesa, ci dirigiamo verso sud, lungo la dorsale,  superando prima il cimitero e poi la Contrà Brunelli. 

Alla fine dell’abitato lasciamo la strada asfaltata e prendiamo il sentiero che incontriamo sulla destra e che scende fino a Contrà Gonzi. 

La traccia risulta sempre ben visibile anche quando, costeggiato un pascolo sulla sinistra, entra nel bosco. 

Una volta arrivati a Contrà Gonzi, ci inoltriamo nel bosco per il sentiero che troviamo sulla destra e proseguiamo in falsopiano fino a sbucare su un prato con un caratteristico “Barco”. Da qui attraversiamo il prato fino ad incontrare un sentiero che scende all’interno del bosco fino alla strada asfaltata che da Contrà Rovera porta alla Contrà Xilli. Giriamo a destra e saliamo fino al capitello situato al centro della contrada. 

Proprio di fronte al capitello parte il sentiero che collega Contrà Rovera a Contrà Nogara. Dapprima scendiamo fino alla pozza che dà il nome alla contrada in Comune di Lusiana, per poi girare a destra e risalire fino a Contrà Nogara. 

Attraversata la contrada, prendiamo la strada di sinistra che sale a serpentina fino al quinto tornante, dove prendiamo il sentiero di sinistra che ci porta direttamente al centro della Contrà Cortesi. 
Passati sotto l’antico portico e attraversata la piazzola, prendiamo la carrareccia sulla destra che, in falsopiano tra “file di laste”,  ci porta fino a Contrà Muri. 
Da qui, costeggiata sul lato sinistro la contrada, saliamo lungo un ripido sentiero che in breve tempo ci riporta al luogo di partenza. Sentiero molto panoramico.
Punti d’ interesse:

Ex comando militare ed ex cimitero di guerra (Contrà Brunelli) vecchia arcata in Contrà Segala, portico e pozzo in Contrà Cortesi.