Poesia di Maria Teresa Pezzin

'Ndemo a ciamare Marso!!







te lo dise l'arieta

che de jorno la se fa pì tepidina

e l'erbeta

che la scuminsia a deventare verdexina 

 

Te lo dixe i oxeliti

che i salta, i vola, i canta tuti agitai

para che i diga

i jorni pì fridi i xè pasa

 

Te lo dixe le rivete,

soto i siexuni.

spolverae de crochi, primole e mamolete

e muci de viole che incolora vale e valuni

 

Ma te lo dixe specialmente

che l'inverno lè drio a far fagoto

quando che se sente

rivare de febraio el vintiòto

 

I tuxiti de scola

i core casa e i trà dó in parte la cartèla

parchè i gà in mente 'na roba sola:

"Nono, Nono, me detu la campanela?" 

 

Febraio lè finio...

'ndemo a ciamare Marso su e dó par Comarolo!!

I pì piculiti i resta indrìo

e le galine se spaventa par tuto 'sto fisolo 

 

Intei filò rento so le stale

i Vecioti i se conta de 'na volta

l'inverno lè longo da pasare

fa 'ncora fredo sarè su la porta!

 

Riva Marso!!! Viva Marso!!! che tambramento.

i sbèchi di putèi

i se smìsia con quel gran sonamento

de campanuni e campanei 

 

e tuta la vale se incolora

de quel bel incantamento

che rive la bona stajón xè quasi ora

e intanto uncó ogni toxéto lè contento!

 

 

(L'ultimo giorno di febbraio era magico per noi bambini che, suonando i campanelli usati in estate per le mucche, giravamo lungo tutta la vallata per annunciare che arrivava Marzo e quindi, con la primavera, finalmente la bella stagione)


Note: 

la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia

la X si pronuncia come esse dolce 

 

 

Marzo 2009