IL PERCHÈ DI QUESTE POESIE

Sono partita dal mio paese di nascita 40 anni fa, ritornandovi solo saltuariamente.

Da sempre ho avuto la passione per la poesia: ne ho scritte alcune, sia in italiano che nel mio meraviglioso dialetto. Da quando ho lasciato il lavoro (due anni fa), c’è stata un’impennata nello slancio poetico dialettale, rivolto al mio piccolo paeseto de montagna, alle tante emozioni vissute ed ancora vivissime in me ed al modo di vivere nel tempo in cui ero piccola (anni ’50).

Quel vivere fresco di guerra, difficile ma coraggioso, di gente abituata al sacrificio fin da piccoli; quel vivere così radicato ed intrecciato con la terra e la natura, dove tutti dall’infanzia alla vecchiaia si sentivano necessari ed utili per la sussistenza della piccola comunità.

Io sono per natura schiva e riservata, mi piace contemplare i prati ed il mondo dei bambini…Scrivere poesie è per me un modo per non perdere quella storia, è un atto di amore per chi mi ha preceduto e che quella storia l’ha costruita, è per consegnare ai miei discendenti una pagina di un passato che non va dimenticato e che ha molto da insegnarci.

Sarei anche molto contenta se potessi condividere con altri la passione per la poesia dialettale.



El pan del santolo Archimede

Il profumo ed il gusto di quel pane, che sento come quand'ero bambina, mi fanno ricordare con nostalgia ed affetto il fornaio di quell'epoca (anni '50), mio Santolo perchè aveva tenuto a battesimo mio fratello Piergiorgio Pezzin.


Xè pasà pì de sesant’ani……..
in Comarolo ghe jera on brao fornaro,
ve lo ricordarì l’Archimede Furlani
par ilo a gò on ricordo propio caro…

De sera, che la stajon fuse cativa o bona,
col saco vodo so ‘na spala el partia pian pian
pa ‘ndare su in Conco da la Ninona
a laorare tuta la note par fare el pan

E la matina presto el tornava casa straco
dò pal buale col paso gaiardo
e sola schena el gheva ‘sto gran saco
pien de pan fresco,  ‘ncora caldo

Chi no ‘l se lo ricorda col pasava
el bon profumo ch’el asava indrio,
dò intele boteghe i lo spetava
e i putei pa strada i ghe coreva drio

Ciope tonde, corni, mantoane
‘na grosta de oro e  ‘na molena bianca e fina….
che consolasion par la nostra fame
a quel’ora de meda matina

pan-formaio…pan- buro e sucro..pan-bioto…
pan e vin…pan e fighi…pan e ua…
pan fresco…pan vecio…pan biscoto…
e le fregole del pan, tuxiti, no bisogna trarle via!

Par tuto quel bon pan che te ghè fato
con pasion e tante fadighe da patire,
caro Santolo Archimede
un grasie de cuore te lo vojo dire 

(settembre 2012)


Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce
 
 

SABATO 16 GENNAIO 2010

Ciao xio Piero

Ciao xio Piero
si, te sì proprio partio
te sì ‘ndà via par tempo, co ‘n sorixo,
te vulivi eser pronto, ‘sta primavera,
par coltivare i ortexei del Paradiso

quante bele cose
che te ne ghè insegnà, a tuti quanti:
che no bisogna far tardi, ciaparse indrio
intele robe importanti
jutarse co se gà bisogno, darse ‘na man
fidarse de la providensa e del bon Dio

te ne ghè insegnà,
no co le parole ma cui fati,
che quel che se fa xè justo farlo ben,
con fede, rispeto, bontà….
e te lo ghè dimostrà co la to gran semplicità

ciao xio….
int’el to viajo ogni tanto vòltete indrio,
te vedarè ‘ncora, là int’el curtivo dei Jacumiti
la Bruna che te saluda ala matina:
“ciao Piero, come xela? ghetu dormio?”
…là cui vostri bei fiuri da curare
i urti da bagnare
e intorno i tuxiti che i duga corendo de qua e de là
par tegnér viva la contrà

tute le bone semense che te ghè impiantà
a simo sicuri
che pì vanti le butarà

(30 dicembre 2009)

Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce

MERCOLEDÌ 5 SETTEMBRE 2007

Soto i buschi


Rento ‘nte la so cuna dorme Comarolo
e intorno tanti buschi che vien vanti
come ‘na cuerta trata sora ai prai e ai campi
fati dai antichi Pasturi del Tirolo

Ghi né creséste tante de generasión
laorando quela tera benedeta,
quela che me ga rincurà da picoleta
a vardarla dèso me vien dòso on magon…

Par secoli la ga dà sostentamento,
corajo par vivre e anca par morire,
speransa de tornare par chi dovéa partire…
quanta storia che ‘sta tera la tien rento!!

Quela vita de ‘na volta xè finìa
cusita bela ma anca tanto dura
co le raìxe impiantàe so la natura…
I buschi la gà propio sepelìa


Maria Teresa Pezzin de Comarolo
Settembre 2007
(Guardando ora il mio “paeseto”, mi rendo conto di quanta storia sta per essere inesorabilmente inghiottita dal manto dei boschi, un velo sopra tante generazioni e vite di uomini e animali)
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce

MARTEDÌ 21 AGOSTO 2007

Quando che per strada se podeva dugare


Ghe jera ‘na volta, cari tuxiti,
quando che naltri girimo piculiti
‘na strada che pasava in medo a Comarolo
la ‘ndava dala Turchia fin’al Bololo

La jera ‘na strada ndoe che la jente podea caminare
parchè de machine si ghin vedea poche pasare
qualche vespa e ogni tanto la coriera
e puchi camion de soldame o de gera
che naltri putei ghe curivimo drio
e i pì grandi se picava anca pardedrìo

Pasava tante vache, cavai e muli col careto pien
e d’istà omini e femene con so la testa el nisólo de fen
Se ‘ndava a mesa, a tore ‘l pan, al rosario, a scola
quante scarpe che se gà consumà la sola!

In giugno so la strada se fermava la machina del formento
che bacàn, che polveron, ma che divertimento!
Co pasava le piegore tuta le la impienava
el parea on fiume bianco che caminava
E co d’inverno la neve vegnéa dó spesa
a ‘ndare co la slita la jera ‘na belesa

In te la strada se fermava el strasaro, el moleta e l’ombrelaro,
el Cucio che sbecava “fighi bela ua femene”, e anca el pesaro
che de venere el portava el pese fresco
e a tor su la late vegnéa el lataro la matina presto!!!

Cari tuxiti, quela strada no la jera mia ‘sfaltà
no la ghea gnanca segnai e righe par tera disegnà…
La jera tuta bela, de tera batùa
el stradin la tegnea mejo de casa sua!!

Xè par questo che la jera el posto pì belo par dugare
no girimo mai stufi de corere e saltare…
a balón, trentunàio, fasoleto e far la guera
a bala velenà, statuine, saseto e tocatera…
In magio, dopo ‘l rosario, tuti i boce de la contrà
i dugava a bandiera fina a sera inoltrà

El pì bel parco giochi nol ghe sarà mai
come la strada , i strodi, le pose, i curtivi e i prai
par cresere sani e in armonia co la natura
anca se la vita la jera ben pì dura !!

Ottobre 2006
(E’ incredibile il cambiamento avvenuto in poco più di 50 anni…”allora” la strada era il parco giochi di bambini e ragazzi, ed era anche il palcoscenico di una gran parte della vita del paese)
Nota: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce

Ga sonà la prima campanela 

el va dó pal strodo pian-pianelo

Ghimo parà via ‘naltra setimana

tuti i ga laorà e suà dandose da fare

parchè la vita la xè dura da afrontare

Ma co riva la domenega tuto se chieta

pa rispeto de la creasión

e ognun vol deventare un fià pì bon

Anca la natura se raposa

el dixnare no lè mia sempre quelo

e le toxe se mete el vestito belo!

Dindlìn… Dindlìn… Dindlìn…

I gà ciamà su da mesa e la Cexeta

piena de jente da tute le contrae

la acoglie le orasión pregae e cantae

Tuti uniti con fede e devosión

parfin la povertà te para bela…

…co sona la seconda campanela


Maria Teresa Pezzin de Comarolo
Maggio 2007
(Ritrovarsi tutti nella piccola chiesa che chiama col suono della campanella è un modo, oltre che per manifestare la fede, anche per superare uniti le difficoltà, al punto che sembra bella perfino la povertà) 
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce 

Ghe jera ‘na volta la neve


A la ghimo spetà
come ch’el spèta so mama on putelo
e invese no la xè rivà
la xè restà intrapolà int’el celo

A ghivimo tanta voja de sentire
quì rumurìti so le foje int’el strodèlo
quel silensio che te fa dormire
e te sveja la matina soto ‘l so mantelo

Anca el bosco, i campi, i urti, i prai
I la spetava come ‘na benedisión
I uxilìti e tuti i animai
e le piante che vol dare on fruto bon

Ghe jera ‘na volta la neve……
…a me nevodeto ghe contarò…

ma ‘l sarìa, se fuse vero, ricordève,
on bocón masa groso da mandare dó.

Gennaio 2007
(un inverno così avaro di nevicate come quello tra il 2006 – 2007, mi fa ricordare quelle abbondanti della mia infanzia - anni ’50 del novecento - e temere per il futuro del clima terrestre) 
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce 

Ciao pupà


Ciao pupà. Pròpio dèso co sto solexèlo
co la natura che se gà svejà
e n’altra primavèra xè rivà
ti te parti, pròpio dèso sól pì bèlo…

Varda, le sixìle le xè già rivàe
e i buschi i se méte la camìxa
pròpio dèso te parìci la valìxa
so che le patate te le ghè impiantàe

Te fè fénta de ‘ndàr via contento
Piemonte, Val d’Aosta…’ndóe che ghe xè i laùri
basta che i schèi par la faméja i sìa sicuri
no importa quanto amaro che te ghè rento…

Mi no capìso tanto, sò ‘ncóra picoléta
stréndo la màn a la mama che la crìa
e quanti mìxi che te starè via
fin’a st’utùno lontàn da la tó caxéta

“Cara Maria, sono arivato. St’àno il cantiere è ai piedi del Cervino…
…tu come stai? e i putèi? le poesie le gài imparàe ?
e l’órto xèlo bèlo? le patate le sarà spuntàe…
Un baxéto a tùti..e a te cara mòglie un abràcio dal tuo Mino “

E mì già m’imàgino quel giorno, quélo sì pì bèlo,
che te vedo dexmontàr da la coriéra
i tó òci i se ilùmina co te mìti i pìe par tèra
e te vegnìmo incontro, tegnéndose par màn co me fradèlo

La tèra che te adòri e che te manda via
quéla che te gà dà le tó raìxe
che te gà fato fare tante volte le valìxe
par lavoro, pa la guèra e prigionia

A ghìmo imparà da tì a volérghe bèn
a quéla tèra fata de jénte coragiósa
che gh’importa l’onestà pì de ogniàltra còsa
co ‘na fòrsa rénto che dapartùto la sostién

Ciao pupà. L’ultima sixìla xè partìa
i buschi se despòja, e gò già visto le piégore pasàre
Te spetèmo… dèso xè pròpio òra de tornare
ànca pa st’àno la tribolasión la xè finìa.

Aprile 2006
(Mio papà, come tantissimi uomini dei nostri paesi, faceva lavoro stagionale lontano da casa partendo in primavera e tornando in autunno. Quanto soffrire al momento della partenza e quanta gioia al suo ritorno!!)
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce


Che festa granda che vien domàn….
El nòno dixe: stè buni tuxìti,
i dorme chièti i vedelìti
e anca le vache le rùmega pian

In stala al caldo, el para on incanto
e lè on pregare sensa parlare
nostro pupà scumìnsia a cantare
mi so contenta, me piaxe tanto…

De fóra fa frédo, la neve xè tanta
me mama la spésega co la cordèla
i tuxi e le toxe i canta la stéla…
la xè propio ‘na nòte santa

Dicembre 2005
(Emozioni ancora vivissime delle ore che precedevano il Natale, da bambina)
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia 
la X si pronuncia come esse dolce


No savarìa mia dirve chi che lo ghéa impiantà
mì so che lo gò sempre visto là
su int’el Monte, sól prà dei Rusìti
in mèdo a tuti i altri pomarìti

El géra vegnésto su con quel difèto
mì pensavo: chi sa quanto ch’el gà sofèrto, puaréto…
sa gavaràlo pasà intelà so vita
par podér crésere anca ìlo cóla schéna drita ?!

Se te lo vardàvi da ‘na certa posisión
el paréa ón pòro veciòto in desnoción…
ma se ve conto la santa verità
el ghéva le pì bèle qualità

In primavèra tuto de bianco fiorìo
le ave a ciuciàre no le ghe stava drìo
e d’autùno cói rami carghi de pùmi
quanto bèi che i jéra…e quanto bùni!!

Ma co l’istà la rivava finalmente
e ‘ndàvimo col nòno a fare el fén sol Monte
quel pomaréto gòbo el savéva deventàre
el posto pì bèlo par dugàre

Se rampegàvimo su par la só schéna storta
a dindolàrse, far cavàlo e giravolta
sentài dó in mèdo ai rami, paréa ch’el me volése dare
l’afèto de ‘na mama coi só putèi da rincurare

E come on nòno cola só disendénsa
el me tegnéva in bràso tuti con pasiensa.
Adèso me domando: chisà s’el gavarà sentésto
quanto bèn che ghe ghimo volésto!

Credo che no la sarìa mia ‘ndà cusì pulito
se ‘l pomaréto fùse cresésto drito

Febbraio 2007
(Un melo cresciuto con il tronco curvo è stato uno dei posti più belli in cui giocare quando eravamo piccoli. 
Se fosse cresciuto diritto non ci avrebbe regalato quelle gioie!)
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce 


Ve ricordèu ‘na volta ?
ghi né pasà raquanto* *Ne è trascorso parecchio
el tempo el géra come
le góse de oio santo!

Par podér tirare vanti
se laorava tuti quanti
òmini e fémene
vecioti e dóvene
dala matina ala sèra i ghi néa da fare
par métre una
calcòsa da magnare!

Le tóxe le ‘ndava a spaso
co la cordèla sóto ‘l braso* *Con la treccia di paglia sotto l’ascella
e fin che le ciacolava
co le man le spesegava* *Con le mani lavoravano velocemente
In giro pa i buschi e pa i campi
sui prai e sui urti
i jòrni i jéra sempre masa curti* *I giorni erano sempre troppo corti
Che fadighe, quanto suare
ma ghìvimi voja anca de cantare

Le bóche da sfamare le jéra sempre tante
tuti dava ‘na man
ognun jéra importante!
E 'lora se scuminsiava da piculìti
A jutàre la faméja e filare driti…

i fastùghi da discucàre* *Staccare la paglia dalla spiga
le panòce da scartosàre* *Togliere le foglie dalle pannocchie 
drìo le vache e le vedèle
col nòno ‘ntela stala;
‘ndar tóre rame e stèle* *Andare a prendere legna sottile e grossa
pa impisàre la fornèla

in giro pa i prai a rastelare
i fradelìti da rincurare…
e stè tìnti a paràr via la pója* *State attenti a scacciare la poiana
che senò la ròba i puldìni
jutèghe al pupà a tirare la grója* *Aiutate il papà a tirare il carretto a mano
che dopo ve do du-trì cunfitìni…

Mama , dèso poso ‘ndare a dugàre?
Si , ma stà via póco, che presto xè òra de magnare

Eh sì, alóra la jera propio cusìta!
‘na bèla lesión par tuta la vita

Gennaio 2007
(Fino alla mia generazione, noi bambini eravamo parte integrante della vita e dei lavori quotidiani insieme a genitori e nonni; non ci si sentiva inutili, anzi! E così si imparava fin da piccoli l’importanza del lavoro, della responsabilità ed anche nel sacrificio)
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce